Sono un insegnante di yoga, matura e giovane nello stesso tempo. Ho sempre amato lo sport che ho iniziato prestissimo e non ho mai abbandonato. Da bimba sgambettavo sognando di imitare le gesta di Nadia Comaneci, un mito per le ginnaste dei miei tempi. Amavo tantissimo questo sport che ho praticato con passione e disciplina fino a quando la crescita in altezza non mi ha stoppato la “carriera”. Il piano B di allora é stato indossare il kimono e salire sul tatami. Il judo mi é piaciuto subito e il maestro (mio padre) pure! Sono stata campionessa italiana, ed ho partecipato alla vita della Nazionale Juniores anche se per poco tempo. Un infortunio e un “mood malinconico”  mi hanno trasportata lontano dalla palestra. Mi sono allora concentrata sullo studio e contemporaneamente ho deciso di abbandonare la carriera agonistica. Ho lavorato per una decina di anni come libera professionista, mi sono sposata ed ho avuto un figlio stupendo, Leonardo. 

Il secondo cambio repentino é avvenuto a 45 anni. Ho smesso di fare l’architetto e ho iniziato a praticare yoga. L’incontro con questa disciplina é stato casuale ma io ero pronta per scoprire qualcosa in più di me. Non lo sapevo ma avevo bisogno dello yoga. Ho iniziato a praticare – a Genova con Fiammetta Rutelli – lo yoga dinamico e creativo del Vinyasa con le sue sequenze sempre diverse e ritmate dal respiro. Grazie a questa pratica ho appagato il mio desiderio di movimento e il corpo é diventato lo strumento di conoscenza di me stessa. Sono diventata una “yogadipendente”, praticavo tutti i giorni, anche più di una lezione. La pratica assidua e costante mi ha trasformata, nel corpo e nello spirito, e in un certo senso sono rinata. Quando ho incontrato Ambra Vallo ho deciso di seguirla e fare con lei il corso per diventare insegnante. Volevo approfondire la conoscenza dello yoga, iniziare a studiare la storia e la filosofia ma anche approfondire lo studio del corpo con l’anatomia funzionale. Mi sono formata con lei in “Hatha Raja Yoga”, ed in seguito ho seguito sue lezioni e molti dei suoi workshops in Italia. La curiosità per questa disciplina mi ha portata a seguire workshops di yogi dagli stili anche molto diversi: Denise Payne,  Shi Dharma Mittra, Anna Forrest e Stewart Gilchrist. La mia formazione e’ proseguita con altri teacher training di approfondimento, con Doug Swenson e Manju Pattabhi Jois.

Oggi ho superato i cinquant’anni, pratico con disciplina, costanza ed entusiasmo, perché nello yoga non si smette mai di imparare, si é eternamente studenti. Ma con coraggio mi sono rimessa in gioco. Ho iniziato ad insegnare agli altri quello che ho imparato in questi intensi anni di pratica. Cerco di trasmettere nella maniera più semplice possibile gli insegnamenti che ho ricevuto, guidando  le persone verso un viaggio interiore di ascolto del proprio corpo. Viaggio che a differenza degli sport é privo di competitività con se stessi e con gli altri, che ci porta attraverso il lavoro sul corpo fisico a cambiare la nostra mente e a progredire spiritualmente, e forse a raggiungere il nostro vero Sè.

Sono un insegnante riconosciuta e registrata Yoga Alliance RYT200 con il numero 312259