Ecco qui, vi racconto un’altra novità: la mia prima diretta su Instagram! Ieri sera sono stata invitata da Aga Nowack – di lei vi ho già raccontato qui – per una chiacchierata sul “ricominciare”.

Uno dei miei mantra preferiti lo sapete é  “ogni giorno é un nuovo giorno” nel senso che  “ogni giorno é un nuovo inizio”. Dipende da noi, da che rotta vogliamo dare alla giornata e alla nostra vita. Senza bacchetta magica possiamo avviare dei cambiamenti anche piccoli, che una volta ripetuti diverranno significativi. Ho raccontato ad Aga, come nel mio caso il cambiamento sia avvenuto con lo yoga. Se avete letto la mia bio sapete che nella mia “vita prima” ero una libera professionista, un’architetto che cercava di lavorare nell’ambito dell’architettura sostenibile e molto del mio lavoro era in cantiere. Chiusa questa attività, inizialmente con dispiacere, molta apprensione e insoddisfazione, mi sono presa una pausa piuttosto lunga che é servita per elaborare il “lutto”, per farmi alzare le antenne e a posare i piedi su un tappetino di yoga. A piedi nudi é partito “il mio nuovo luminoso giorno”. Lo yoga é diventato “uno stile di vita”, mi ha spinta ad approfondire, a studiare e ad impegnarmi in un percorso profondo, lungo quanto la vita. Rimanendo “ricettiva”, approfondisco ed esploro. Sperimento. In questa circumnavigare ho incrociato Aga e il suo metodo. Ed io che mai avevo fatto un massaggio al viso e tantomeno avevo mai mostrato interesse per la cura di questa parte del corpo, mi sono detta, prova! 

La ginnastica facciale di Aga mi ha convinta perché l’ho trovata sincera ed in sintonia con le regole di condotta personale di uno yogi.  In particolare con due di questi insegnamenti: shauscha e samtocha. Shausha e’ il primo dei niyama, alla cui base c’é l’idea di prendersi cura del nostro corpo visto come un “tempio”, sia dal punto di vista fisico che mentale. La nostra “casa sacra” va pulita, purificata, rinnovata. Le impurità si rimuovono attraverso la pratica delle asane, una corretta igiene personale, e attraverso l’alimentazione che dovrebbe essere il più possibile salutare.  Praticando queste abitudini migliora la nostra esistenza e lo vediamo nel corpo che cambia, aumentando in forza e flessibilità. Nel viso, che si apre e risplende, e a cascata lo avvertiamo nell’umore. Nella mente la negatività lascia il posto ai pensieri positivi e ci sentiamo meglio, siamo più amichevoli e allegre. Impariamo l’accettazione e il cambiamento é avviato. Stiamo vivendo applicando santosha, la regola della “contentezza” della “gioia” della “felicità”. E’ dall’esperienza di accettazione della vita, di quello che siamo e di qualunque cosa la vita ci abbia portato o ci porterà che la vita cambia. Quando realizziamo che la vita é un processo, un’evoluzione, siamo spinte in modo naturale ad andare avanti e a non “mollare”. Abbiamo tra le mani la chiave di questo niyama, che ci insegna che proprio attraverso il potere della contentezza, la nostra vita e quella dei nostri cari migliorano. Ed é vero che la felicità é contagiosa. Provate a sorridere al vicino di casa! E raccontatemi.

Con amore 

Federica

One thought on “ ricominciare ”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...