Ho iniziato a praticare il pranayama durante il mio primo teacher training. I miei maestri sono stati Ambra Vallo e Fabio Filippi, che mi hanno introdotto a molte delle tecniche utilizzate dall’Hatha Raja Yoga per aumentare l’energia vitale (il prana) che è in noi ed in ogni essere vivente.

Pranayama deriva dal sanscrito प्राणायाम, una parola composta da due parti: prana e ayama. Prana significa “vita”, “spirito”, “respiro”, Ayama indica “espansione”, “estensione” e da qui deriva la sua definizione di respiro espanso. Ma in sanscrito “yam” significa anche “controllare” e da qui deriva la definizione “controllo del respiro”.

Aldilà delle definizioni quello che é certo é che, una pratica costante, introduce a diversi stati fisici e mentali e ad una maggior presa di coscienza, generando una maggiore consapevolezza e sensibilità; insegna a calmare il corpo fisico, a controllare quello “sottile”, e a disciplinare la mente.

Le tecniche sono numerose ma in generale, se la respirazione e’ lenta si induce uno stato di calma e di rilassamento. Se invece acceleriamo il respiro si genera in tutte le parti del corpo un effetto stimolante e rivitalizzante. Se cerchiamo equilibrio, dovremmo regolare il flusso del respiro in entrata ed in uscita nelle narici. 

pranayama_fede_yoga_

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...